• Paola Adamo.it

    Se credi in Dio, hai il mondo in pugno.

  • Paola Adamo.it

    L'uomo deve fare solo ciò che può fare
    e non ciò che vuol fare,
    altrimenti diventa solo causa di disastri.

  • 1
  • 2

Salesiamo





"saleSiamo"

Nasce dal desiderio di scrivere un musical che parlasse del nostro oratorio in occasione del 50° dalla sua fondazione.
Realizzato interamente dalla collaborazione di ragazzi, giovani e adulti delta comunità locale SDB di Taranto, narra delle avventure di un giovane salesiano, Don Gianni, che parla di sé, dell'oratorio e dei personaggi incontrati nel suo cammino.
         Il contesto è fornito da un incontro di formazione settimanale al quale partecipa un gruppo di ragazzi, ovviamente guidato dagli animatori.
         Le storie, però, sono molto simili a quelle di Don Bosco e i giovani di cui
si racconta sembrano quelli dell'oratorio di Valdocco.
          In verità, sono ragazzi della nostra realtà quotidiana:
esistiti realmente, come Paola Adamo, o solo ispirati a situazioni concrete della quotidianità dell'oratorio di Taranto ....  ma sicuramente di tutti gli oratori.
          Il susseguirsi dei racconti porterà ad un risvolto inatteso:
la "conversione" del gruppo e lo sbocciare di sentimenti apparentemente
confusi nell'animo di uno dei ragazzi.
         Lasciamo ora parlare il nostro giovane salesiano, che, con le parole conclusive del musical, spiega, rivolgendosi a quest'ultimo ragazzo, che i giovani di tutto il mondo e di tutti i tempi debbano sentirsi amati e che il sistema educativo di Don Bosco non ha limiti né di tempo né di luogo:
 
         "Non ti meravigliare, ragazzo mio, i giovani sono sempre gli stessi, le situazioni sono sempre le stesse, anche se i tempi cambiano. Ma che importa se è vero o no, che importa se il bullo si chiami Tonio o Michele Magone, ciò che conta è che qualcuno lo aiuti con amore a scoprire ciò che di buono c'è in lui. Ricordiamo che non basta amare i giovani, è necessario che essi si sentano sempre amati ed accolti: gli insegnamenti di San Giovanni Bosco sono validi in ogni tempo, in ogni luogo, con tutti i ragazzi. Sta a noi farli nostri ed applicarli in modo giusto, nelle varie circostanze della vita, per aiutare tutti quelli che il Signore vorrà mettere sulla nostra strada."



         Ieri sera, al termine della messa, nel teatro dell’oratorio D. Bosco, i ragazzi dell’oratorio, si sono esibiti in un MUSICAL “saleSiamo”  fatto di tanti episodi.
L’ultimo era dedicato a Paola. Hanno composto una canzone che accompagnava la scena di una ragazza in tutù che danzava.
         Alla fine tutti insieme hanno cantato il testo della canzone “TU SEI COME ME” il cui ritornello fa così:

 
Diletta come un soffio di vento
Sei approdata alla gloria del Signore
Dirai che quella sorgente d’amore, d’acqua pura
Si è trasformata in un fiume in piena
Che travolge

 
Tu hai parlato agli uomini di ieri e di oggi
Del nostro Dio, del Signore dell’amore,
sorgente di tutte le cose,
nulla è il potere
nulla è il denaro,
nulla possono per la felicità eterna
se tu sei come me.
.........................
Ecc. ecc.......

 

Il Direttore, Don Pasquale Cristiani, ha chiuso la serata auspicando che Paola, ragazza dell’oratorio, possa presto essere riconosciuta dalla Chiesa.

 

*****
 
         Avere un sogno fa bene.  E’ un nutrimento.
 
Come il cibo nutre il corpo,  così  il sogno fa crescere  l’anima.
Senza cibo è  fame,  senza  traguardi  è  deserto.
 
         La speranza è quella che ci fa sopravvivere agli eventi negativi.
         Affidiamoci a Dio.
         Ci fa attendere ma dà sempre una risposta.

  
TU SEI COME ME
 
Diletta come un soffio di vento
 Sei approdata alla gloria del Signore
 Dirai che quella sorgente d'amore, d'acqua pura
 Si è trasformata in un fiume in piena
 Che travolge.
 
Ti leggo
 E cerco d’immaginarti,
 ma come posso (ricordarti o pensarti)
 il mio è un ricordo sbiadito
 che purtroppo si perde nel tempo, di una ragazza d'oratorio
 come tante.
 E allora ti immagino
 Mentre i miei occhi leggono il tuo scritto
E nello scorrere di un mouse,
non posso che immaginarti valore d'immenso.
 
Diletta come un soffio di vento
 Sei approdata alla gloria del Signore
 Dirai che quella sorgente d'amore, d'acqua pura
 Si è trasformata in un fiume in piena
 Che travolge.
 
Diletta, soffio di vento sei approdata alla gloria del Signore
Sorgente viva che con la croce o scettro in pugno
Hai usato il linguaggio dell’amore
Per farmi capire che tu sei come me!
 
Se tu parli e disegni tutto con amore
E apri i cuori e mi dici che
Nulla è impossibile a Dio,
io questo l'ho già sentito,
ma il tuo impossibile e possibile,
se credi in Dio, mi sconvolge
tu così fragile all’occhio dell’uomo
ma forte nella fede
hai racchiuso tutto l’amore universale in un pugno chiuso.
 
Diletta come un soffio di vento
 Sei approdata alla gloria del Signore
 Dirai che quella sorgente d'amore, d'acqua pura
 Si è trasformata in un fiume in piena
 Che travolge.
 
Tu hai parlato agli uomini di ieri e di oggi
Del nostro Dio, del Signore dell’amore,
sorgente di tutte le cose,
nulla è il potere,
nulla è il denaro,
nulla possono per la felicità eterna
se tu sei come me.
 
Diletta come un soffio di vento
 Sei approdata alla gloria del Signore
 Dirai che quella sorgente d'amore, d'acqua pura
 Si è trasformata in un fiume in piena
 Che travolge.
 
                                 
  A Paola Adamo
                                   Mimmo Recchia

Blog webekm.com the ekm.

Download from BIGTheme.net free full premium templates