Dossier





PAOLA ADAMO - FRUTTO DEL SISTEMA PREVENTIVO -
 PROPONIAMO A TUTTI CON CONVINZIONE LA GIOIA E L'IMPEGNO DELLA SANTITA'
COME "MISURA ALTA DI VITA CRISTIANA ORDINARIA".

 
Cari amici, il 28 giugno 1978, nel pieno di un'adolescenza viva ed armonica, Paola ADAMO rendeva la sua bell'anima a Dio, matura per il cielo.
La sua breve ma intensa vicenda umana e cristiana non era destinata a svanire nell'oblio del tempo e si apriva provvidenzialmente, come un dono di grazia, all'attenzione del popolo di Dio.
Agili e vivaci biografie di Paola, prodotte e divulgate da editrici cattoliche di prestigio (LDC, Dehoniane, Città Nuova, San Paolo…),ebbero una immediata risonanza in Italia e all'estero, suscitando un impatto di simpatia e un desiderio di imitazione. Si registrò attorno a lei, in progressione ascendente, un coinvolgimento generale a conferma di quella crescente "fama di santità" che ci si poteva attendere dalla testimonianza esemplare di vita di una quindicenne. Una esperienza che non riguardò solo adolescenti e giovani, ma anche persone mature, genitori, vescovi, sacerdoti, religiose di vita attiva e monache di clausura.
Nelle migliaia di lettere pervenute, si leggono affermazioni che lasciano sorpresi: "Io, Paola me la sento vicina", " E' il mio angelo custode", " E' sempre con me", " La prego sovente"….. e ne attestano l'efficace mediazione presso il Signore. Stupisce la vasta area di provenienza che, valicando i confini d'Italia, ha raggiunto nazioni lontane dell' America Latina, dell' Africa e dell'Asia.
In questi ultimi anni la "vicenda Paola" ha registrato una accelerazione straordinaria. Alle tante segnalazioni di una presenza confortatrice di Paola, si sono aggiunti "fatti straordinari" e "presunti miracoli" documentati e sottoscritti in coscienza dagli interessati, che confermano la "fama di santità" e aprono la via al Processo di Beatificazione e Canonizzazione.
Non meraviglia, pertanto, l'interesse che la Postulazione Generale dei Salesiani le ha riservato. Lo stesso Rettor Maggiore Don Pascual Chàvez non ha esitato a collocare Paola nell'albo dei campioni della santità giovanile, quale "modello affascinante per la santità vissuta nel quotidiano".
 
L' "(E)laboratorio Amici di Paola Adamo" costituitosi presso l'Istituto Salesiano "Don Bosco" di Taranto nel 1998, pubblica un foglio mensile che riporta relazioni di grazie e favori ottenuti, articoli di stampa e stralci biografici di Paola, iniziative in programma per ricorrenze particolari che la riguardano, ma, soprattutto, regola la complessa mole della documentazione che periodicamente invia alla Postulazione generale dei Salesiani a Roma.
Ed ora, i membri dell' (E)laboratorio, guardando con simpatia e grato animo all'autore del sito Web «http://www.paolaadamo.net» sul quale si potranno leggere successivamente i testi più significativi apparsi sul foglio mensile "Ciao gente… sono Paola" offrono a tutti la possibilità di avvalersi delle nuove tecniche comunicative per far conoscere emozioni, fatti e sentimenti che Paola potrà suscitare in essi.
 
Si avvera così quanto Don Sabino Palumbieri, docente di Antropologia Filosofica presso l'università Pontificia Salesiana di Roma, affermava nella Conferenza commemorativa tenuta a Taranto il 24 ottobre 2003 nel 40° Anniversario della nascita di Paola:"La figura di Paola è stata un'azione di testimonianza e un magnetismo di coinvolgimento senza più barriere. Senza ormai frontiere".


Rubrica di testimonianze e fatti realmente accaduti




"la mia Paola sa quanto lavoro e quante volte mi rivolgo a lei per avere conferme, mi basta uno sguardo alla sua foto per capire che fare, la vedo sorridere, la vedo imbronciata, saranno i miei stati d'animo ma lei C'è e va sempre tutto bene, è lei il mio angelo custode lei mi ha salvato la vita, davvero senza averla conosciuta credo che tanti valori tanto amore non l'avrei mai incontrato in vita"

A.C. - Pedimonte Matese (CE) 21.06.2005

 

1) “Nell'umiltà ed obbedienza alla voce dello Spirito, mi associo alla vostra iniziativa nel comprendere come mai Gesù si sia servito e si serva di Paola per entrare nel cuore dei giovani di oggi e di tutto il mondo. Da lei ho ricevuto la grazia inestimabile della conversione; come mai Gesù si è servito di questo raggio luminoso della sua Santità, è un mistero che c'interroga e ci lascia nello stupore”.

Dott. A.B. 

2) "Paola ha dato la possibilità a noi giovani di comprendere ed affrontare con spensieratezza la vita, vivendo il quotidiano con grande gioia ed incarnando valori sempre più ampi per il futuro... Penso che sia di grande aiuto a tutti noi, un punto di riferimento sicuro in tutte le debolezze comuni."

G.E.  

3) "Paola Adamo è, secondo me, un modello di persona da seguire, per tutto ciò che lei è. Le frasi che ha scritto sono molto belle e significative. Non ne ho scelto una in particolare, perché secondo me esprimono tutte dei valori molto importanti. Paola e i suoi genitori li sento ogni giorno vicino a me e alla mia famiglia, sono presenti nel mio pensiero e nella mia preghiera e lo saranno durante tutto il corso della mia vita." 

D.I. 

4) "Ho colto in Paola una dimensione Missionaria, sì, era più che Missionaria. Questo perché? Trovandomi in una situazione come quella del Kenja, bisognosa dei primi mezzi necessari per vivere, Paola aveva già pensato a questo. Infatti, lei aveva composto una preghiera che, sinceramente mi ha commosso: "Signore fa che anche i poveri abbiano una casa, del cibo e di una vita serena e tranquilla ... ....(Paola 1973). Per me la frase chiave che mi ha lasciato senza fiato è: "Se credi in Dio hai il mondo in pugno". Sì, Paola era più che un esempio, da quanto ho letto, anzi, mi correggo, è più che un esempio. Questo perché il suo spirito permea in coloro che si accostano ai suoi scritti. 
E' proprio vero che la Santità non ha età, sì, perché Paola è una Santa da cui prendere esempio"

Padre G. M. 

5) “Il difficile non esiste, l'impossibile richiede solo un pò di tempo". Spero che le parole di Paola mi aiutino a credere più profondamente nella vita. Molte volte penso che quello che ho in pugno sia difficile realizzare; mi capita di arrendermi e tutto a causa di una semplice lotta, quella contro la pazienza. Sono impaziente come molti miei coetanei; vorremmo avere tutto e subito. Voglio cercare di non cadere nell'egoismo, d'essere me stessa fino in fondo come Paola, quando, ancora viva fisicamente, portava gran gioia e allegria con la sua semplicità; oggi purtroppo lei non c'è più, ma resterà sempre viva nel mio cuore".

C.L. 

6) "E' sommamente interessante rilevare che la breve vita di un'adolescente può trasformarsi in una testimonianza densa di valori e di promesse; che la morte immatura ha evidenziato certi valori evangelici e li ha imposti alla meditazione dei giovani e degli adulti"

Don M.C. 

7) "Non mi stupisce il provvidenziale crescente interesse intorno alla sua figura. Una vasta documentazione sta a dimostrare la potenza di irradiazione nei giovani del messaggio di Paola, capace di scuotere le coscienze e di trasformarle radicalmente. E' la presenza attiva dello Spirito che ha guidato gli eventi! Paola, strappata prematuramente, oggi è avviata verso traguardi che travalicano ogni calcolo umano".

Don G.D. 

8) "L'incontro tra Paola e me è connesso ad un momento molto difficile della mia vita, un periodo per me pieno di tante domande alle quali raramente e difficilmente riuscivo a dare una risposta. Poi, specialmente con le frasi "Se credi in Dio hai il mondo in pugno" e "Aspetta con calma e avrai tutto ciò che desideri" Paola si è fatta sempre più forte in me e mi ha portata a scoprire la necessità di fede e la voglia e la possibilità di vedere in un miglioramento, anche piccolo, che porta però a fare sempre un passo in più, lungo il proprio cammino, verso la giusta strada. Lentamente quel negativo sta scomparendo, ma mai le frasi e l'insegnamento che Paola mi ha dato; infatti non smetto mai, specialmente nei momenti più difficili, di pensare a lei ed alla sua vita piena di valori e di quelle belle emozioni che nelle sue parole fa vivere e suscitare nuovamente. Ringrazio vivamente chi mi ha dato l'opportunità di conoscere Paola, e chi ha deciso di farla conoscere sempre a più persone che, come me, hanno imparato e continuano ancora a farlo dalla sua vita".  

M.N. 

9) "Mi sembra quasi impossibile che una ragazza come me possa sentir dentro questi pensieri. Io, così insicura e dubbiosa, a 19 anni, non sono ancora arrivata a queste certezze, ma Paola ci arrivò molto prima. Tutto mi pare impossibile e insormontabile e a volte credo di non riuscire mai, ma Paola invece no; ciò che lei ha dentro è così vero che riesce a trasmetterlo; è tanto grande che si riesce a sentire. Le sue frasi e maggiormente "Il difficile non esiste, l'impossibile richiede solo un po’ di tempo" mi rasserenano e mi danno speranza".

G.G.

10) "Quando con la mente rivado a quel 28 Giugno, non devo compiere grandi viaggi a ritroso negli anni, perché il tempo è come se si fosse fermato li... Ma non è ieri! Sono passati 16 anni ed io ne avevo 16, allora! Non sapevo ancora in quel momento, che la mia vita sarebbe cambiata e che la mia adolescenza, arrivata da poco, sarebbe stata spazzata via, lasciando però profonde tracce che avrebbero fatto di me un'adulta - bambina. Paola non c'era più! Fino a quel momento mi ero... "lasciata vivere" senza pensarci su. Che senso aveva vivere fino a quell'età, quando si vive proiettati in avanti, quando tutto sembra possibile e si è convinti che il dolore, i problemi non sono per noi? Il mio rapporto con Dio nasce lì, generato dall' "evento Paola". E non posso non ringraziare il Signore che sa far germogliare tra le rocce e il deserto del dolore, splendidi fiori. E chiedo a Paola che ha tenuto a battesimo la mia fede, di restarmi accanto, lei che ora guarda con gli occhi di Dio ed ama col Suo cuore. Quel 28 giugno, che segna per Paola la Nascita alla Vita, segna per me la nascita alla fede".

M. T.

11) "Sono Laura, una ragazza di 16 anni., e da quando ho iniziato a leggere la vita di Paola mi si è aperto il cuore. Anche guardando la foto sembra che i suoi occhi catturino il mio io più profondo. Ed in parte così è stato perché sento che il mio cuore è più libero, non più avvolto da una patina di preoccupazione e di paure... Adesso con il pensiero di Paola e della sua "particolare semplicità" divento poco a poco più sicura di me stessa. Ogni volta che parlo con lei nelle mie preghiere riesco a trovare, grazie al suo aiuto, sempre un lato felice in una situazione triste".

L. L. Valle Mosso (BI) 

12) "Mi sentivo sconfitta, abbattuta e credevo che il Signore mi avesse abbandonata, ma in realtà, ero io che L'avevo abbandonato. Lui è sempre stato con me, ma io non Lo vedevo; Lui mi parlava, ma io non Lo sentivo. Poi, all'improvviso, in quel periodo "buio" ho visto una luce che veniva verso di me: era Paola. Ora, grazie a lei, vedo di nuovo il Signore e Lo sento; ho sentito questo: "Se credi in Dio hai il mondo in pugno." Questa frase mi ha dato la carica per ricominciare ad aver fede nel Signore e per continuare il mio cammino di fede che purtroppo si era interrotto; ora, però, sono più tranquilla perché so che non camminerò sola, ma ci sarà Paola con me. Io non ho una vera amica, o meglio, non ne ho mai avuto una, e io ora l'ho trovata: è Paola! Anzi, Paola per me è più che un'amica: è il mio angelo custode; la invoco sempre, e lei sempre mi aiuta, e, per ringraziarla, la prego tutte le sere".

S. D. Grottaglie 

 

13) "Sapete, gli Angeli ci sono davvero; il mio si è fallo sentire. Paola è il mio Angelo custode ed è vicinissima a me... che sia benedetta nell'alto dei cieli. Da quando Paola mi ha fato capire che si può essere felici attraverso tutto quello che si fa, per me è diventata un modello da seguire, si, proprio così, un modello da seguire".

A. C. Caserta 

14) "Un giorno distrattamente guardai Paola; ero presa da tanti pensieri, ma i miei occhi ritornavano su Paola, sino a che le domandai: Che vuoi Paola? Ho sentito nel mio cuore, nella mia anima, con parole molto chiare: voglio che i tuoi occhi vedano ciò che io vedo in questo momento. Mi emozionai, ma fui contenta e tutta quella mia agitazione interna si calmò. Mi sentii serena, felice! Quella era la risposta di Paola!"

E. M. Napoli 

15) “Vi confesso che quando sto per commettere qualche errore, penso immediatamente a Paola ... Ella rappresenta per me anche un dolce riferimento su come devo vivere e comportarmi. Paola diventa motivo di elevazione a Dio; voi non potete immaginare quale grande opera di miglioramento interiore e quindi spirituale abbia compiuto in me".

G. S. Roma 

16) "Per me Paola è un'oasi splendida nell'arido deserto che è oggi la nostra società. Sono rimasto subito colpito dalla sua figura e dalla dolcezza che emana; dalla vitalità che la contraddistingue ed anche da quella fragilità che lei soffocava, anche nei momenti di sconforto. E' davvero un'anima candida e pura. Di lei mi ha colpito il suo vissuto e soprattutto il non emarginare compagne di scuola in difficoltà, e per questo affrontare gli altri, "il branco" col sorriso. Anche se non l'ho mai conosciuta resta per me un'amica cara e sincera di cui posso fidarmi.

E. L. Taranto 

17) "Leggendo di Paola e del suo carattere mi sono decisa a cambiarmi radicalmente e non sono stata io, ma è lei (Paola) che è entrata nella mia vita come un vortice e mi ha cambiata completamente. E' incredibile come una ragazza sconosciuta possa aver cambiata la mia vita! Adesso parlo con Paola ed è come se fosse viva. Ora la foto di Paola la porto sempre con me perché è un caro ricordo che non darei mai via.., e devo ringraziare lei se i miei parenti ed io, dopo un incidente stradale, sono vivi."

E. C. Albizzate (VA) 

18) "Non sono sola; la mia migliore amica è sempre con me. Con Paola ci parlo di continuo ed è lei che mi dà la forza e il coraggio in tutte le cose. La mia Paola è sempre con me dappertutto, ed è lei che mi ha aiutato il 24 per la mostra e il 25 per l'esame di guida, perché mezz'ora prima dell'esame ero in piena crisi di pianto; non riuscivo a trovare chi mi accompagnasse a Piedimonte per l'esame, ma tutta la calma me l'ha fatta trovare Paola mia col suo dolce sorriso. Mi ha risposto e praticamente ci sono andata facendo l'autostop. Tutto OK.

A. C. Caserta 

19) "Nel Giugno del '96, due mesi prima della mia consacrazione, decisi di preparare una letterina da far recapitare ad amici e parenti, per invitarli a pregare per me. Non volevo però, dire solo parole e frasi vuote. Anche qui ci fu lei a suggerirmi le espressioni che scrissi: "Non so cosa ho fatto di bello in questi 25 anni di vita consacrata, da oggi in avanti so solo che se amo Lui, posso cambiare il mondo". Qui iniziava la mia vera conversione! Qui è tutta concentrata la mia teologia ... e oggi sono felice! Era da tempo che desideravo raccontare questa esperienza, solo oggi ho avuto la possibilità. La mia esperienza non è finita, l'avventura con Paola continua. Vorrei tanto che la sua santità venisse fatta conoscere a tutto il mondo.., ha tante cose da dirci. "Chi crede in Dio, ha il mondo in pugno"... non è poi tanto diversa da quanto diceva quella Giovane Nazaretana di 14/15 anni, quando a sua cugina Elisabetta cantava: "Tutte le genti mi diranno beata perché grandi cose ha fallo in me il Signore". Considero che a darmi una mano per risolvere i miei problemi è proprio questa giovane, PAOLA ADAMO. In fede e con riconoscenza a Dio e alla giovane Paola, che oso chiamare "santa", firmo oggi 18 novembre 1997."

Sr. P. D.  Roma 

20) "Non immaginate quanto bene ha fatto e continua a fare la vostra Paola nella nostra famiglia. Dopo aver letto il libro "Ciao gente... sono Paola" ho iniziata a invocarla come protettrice speciale per la nostra G. e posso dire che sento e anche G. sente che lei la protegge, la guida e la dirige. Tutte le volte che G. ha degli impegni importanti a scuola io le suggerisco di invocare Paola perché la illumini e l'aiuti a fare bene. Tempo fa l'abbiamo invocata per una decisione importante di cui eravamo molto incerti: la scelta dopo la 3" media. Abbiamo sentito vivamente la sua influenza e anche la sua spirituale presenza; abbiamo avuto un colloquio con una persona che ci ha chiarito ogni dubbio. Nel ritorno, in cuor mio, continuavo a ringraziare Paola e anche G. spontaneamente mi diceva: Paola Adamo mi ha proprio aiutato. Paola per noi è parte viva della nostra famiglia e continueremo a invocarla...”

M. e M. con G. e R. Grosio (SO)

21) "Parlare di Paola Adamo è per me motivo di gioia; la ricordo per la sua dolcezza, il suo attaccamento alla famiglia e la sua immensa fede in Dio Creatore. Mi rivolgo col pensiero spesso a lei e nei momento difficili le chiedo aiuto. Faccio volontariato, spesso mi trovo in difficoltà per decisioni o consigli da dare. Nel mese di dicembre ho appreso e condiviso con amarezza una difficile situazione familiare. Due cari amici genitori di due bimbi, stavano per separarsi; il marito aveva iniziato un'affettuosa amicizia con altra donna, e la moglie giustamente non lo voleva più in casa. Parlammo a lungo dei loro problemi, non riuscimmo a trovare una soluzione per non distruggere il matrimonio, tutto sembrava perduto. Mi rivolsi alla mia prediletta, le chiesi ripetutamente aiuto e dopo qualche settimana l'atteggiamento dei due sposi cambiò: cominciarono a riscoprirsi reciprocamente; oggi sono una famiglia unita e serena".

M.D. Taranto 

22) "Ho incontrato Paola, la dolce fanciulla che non mi lascia mai sola. Con Paola vivo momenti indimenticabili. Paola è il mio Angelo Custode. La sera prego Paola, affinché mi dia una mano per essere più serena ed a superare tutto con più facilità. Quando sono nervosa, mi rivolgo a Paola e mi sento più tranquilla, perché c'è lei accanto a me e, quindi, sono sempre in compagnia. Quando vado a dormire penso a Paola e dico che ho trovato un'amica davvero tanto bella che riesce a colmare sempre i miei vuoti quotidiani".

P. L. Taranto 

23) "A Rimini, il ricordo di Paola tra i ragazzi è sempre vivo; noi la preghiamo con fede e le affidiamo le nostre necessità, i desideri, le ansie. E Paola ascolta i giovani; è per loro un "faro" di luce, un sostegno, un modello. Noi tutti ci auguriamo che questo sia, in un tempo non lontano, affermato dalla Chiesa, prima locale, poi universale. Comunque, Paola in cielo - sono convinta - lavora, lavora in silenzio, sta vicino a chi ha bisogno, intercede per chi si rivolge a lei. Io la prego particolarmente per i giovani, gli adolescenti, le famiglie... La prego particolarmente per chi si trova in necessità.

Sr. R. D. Rimini  

24) "Chiara Lubich  dice: "Teniamo Gesù in mezzo a noi"; noialtri diciamo: "Teniamo Paola in mezzo a noi, come modello e come luce di testimonianza per il nostro presente e futuro"

M. e M. C. con G. e R. 

25) "Ho trascorso ore di profonda angoscia. Il piccolo non è nato bene, hanno dovuto immediatamente portarlo in camera di rianimazione. In quella tragica circostanza speravo solo in un miracolo. E il miracolo è avvenuto; mi sono rivolto alla Madonna e nello stesso tempo ho guardato Paola. Ho chiesto a lei la salvezza del piccolo. Dopo alcune ore ho appreso che il bimbo era fuori pericolo. Ora so che Paola l'ha preso fra le sue braccia e lo protegge da lassù, vicina agli Angeli e ai Santi che l'hanno accolta nel regno dei cieli. Sono felice che questa creatura meravigliosa abbia sotto la sua protezione tanti giovani di tutto il mondo"

A. A. Monfalcone (UD)

26) "Ancora non sono uscito dal carcere, ancora devo fare un anno e sette mesi, comunque, dico con molta sincerità, che per me adesso le cose vanno bene. La sera prima di andare a dormire prego e c'è sempre il mio ricordo nella preghiera che rivolgo a Paola. In questo periodo sono abbastanza tranquillo e sereno con me stesso; dalla mia sofferta carcerazione ho appreso tanti lati positivi che ci offre la vita, una su tutte: ho imparato che nella vita si può vincere con cose piccole senza pensare mai in grande."

G. F. Palermo  

27) "Sono quattro anni che soffro in questo carcere; adesso deve arrivare il momento della vera e propria maturità per la mia persona e sono sicuro con l'aiuto di Paola che mi presenterà a nostro Signore Dio che mi guiderà verso un cammino di speranza. Paola la reputo come fosse il mio angelo custode. Prego tanto anche perché mi viene spontaneo di farlo e quasi sempre mi rivolgo a Paola. Tempo fa la sera preferivo guardare la TV o ascoltare musica, adesso invece mi piace di più pregare e così mi sento più soddisfatto e molto più pulito dentro."

G. F. Palermo  

28) "L'affetto che provo per Paola è immutato: il mio angelo custode. Lei è sempre con me. Spesso mi soffermo a pensare a lei e mi sembra un miracolo; ringrazio Dio per avermi donato tutto questo. Finalmente sto per aprire il mio laboratorio; sono felice e Paola lo sa, in quanto lei è con me e mentre lavoro parlo con lei e le chiedo sempre di essermi vicina e di farmi fare sempre cose giuste e la risposta me la dà a fine giornata. Mi sento molto più forte da un po’ di mesi; ora non mi faccio più atterrare dalle difficoltà (SPERO), guardo determinate cose con più razionalità e ho imparato a contare solo sulle mie forze. Forse finalmente mi amo e mi apprezzo e ho fiducia in quello che sto facendo... ci credo, ora, ci credo... così almeno, comunque vada, posso dire che ci ho provato... E vai! (esclamazione di gioia). Tra le altre, a casa le cose vanno un po' meglio; mio padre da aprile lavora ed è più interessato alla famiglia... Speriamo bene. Paola lavora anche per questo. Finalmente è nato il mio primo nipotino ed è STUPENDO... 
Ho affidato anche lui a Paola.”

A. C. San Potito (CE) 

29) “Ci tengo a dirvi che io sono stato graziato da Paola, per l'asma che la notte non mi è venuta più, e poi sono stato graziato per l'esaurimento che ho avuto. Io ringrazio Paola e voi tutti, perché avete pregato per me. Non so cosa dirvi, sono rinato in tutto e per tutto. Io continuo a vivere felice pregando Paola che tanto ha fatto per me..."

L. C. Scafati (SA)

30) "Ho deciso di scrivervi perché ritengo giusto dirvi grazie per aver fatto conoscere al mondo Paola, che col suo esempio ha già aiutato tanti giovani, proprio come avrebbe fatto Don Bosco, e ringraziarvi anche di averci donato il suo sorriso. Paola ora è come se la conoscessi da sempre, è come se l'avessi accanto a me in ogni momento."

M.T.G. Isola d'Asti (AT) 

31) "Ho appena finito di leggere per la seconda volta il libro "Ciao gente... sono Paola" che fu regalato circa cinque anni fa da una suora salesiana ai miei figli M. e G. che attualmente hanno 17 e 16 anni. Ne rimasero profondamente colpiti soprattutto per la nobiltà d'animo e per l'amore che Paola donava a profusione a tutti coloro che la frequentavano senza rendersi conto che vicino avevano un angelo passeggero di nome PAOLA scesa sulla terra per portare rispetto, dolcezza, allegria, amicizia e soprattutto amore per DIO PADRE.

Mi consigliarono di leggerlo e così feci. Ricordo di averlo letto per la prima volta nel mese di giugno 1997 e fu una lettura attenta, meditata parola per parola, cercando di entrare nei sentimenti di questa vostra splendida figlia, di capire la sua sensibilità, il suo sublime amore per voi fantastici e unici nell'esemplarità e nell'amorevolezza...

Che bel triangolo d'amore! Ricordo che mentre ero assorta nella lettura, lo squillo del telefono mi distolse. Ahimé, era mia figlia M. che mi diceva di correre all'oratorio salesiano delle Figlie di Maria Ausiliatrice dove sia lei che il fratello partecipavano all'estate ragazzi. Dovevo correre sì,  perché A. è diabetico insulino-dipendente e la distrazione di una suora alla sua richiesta di un succo di frutta poiché sentiva di stare in ipoglicemia, non era stata accolta e, quindi, mentre tutti i compagni e le suore erano presi per altri interessi, lui si sentì male, perse conoscenza e si allungo su un muretto. Solo un bambino si accorse del suo stato di salute e corse a chiamare M. che aveva 13 anni, la quale non esitò nel telefonarmi ed io mi precipitai iniettandogli una fiala di giucagone ed il bambino lentamente si riprese.

Vi ho detto questo perché sono sicura che in quel giorno c'era anche Paola vicino a mio figlio, perché io sarei dovuta uscire e invece l'attaccamento a quel prezioso libro, a quell'incantevole storia, mi aveva tenuta a casa, evitando così il peggio (coma diabetico). Prego "l'eletta Paola" affinché segua sempre i miei figli i li protegga dal male". 

S. R. Roma 

32) "Lo sguardo di Paola ci porta irrevocabilmente a Dio. E' una protettrice in cielo e una compagna di cammino verso la santità a portata di mano per ciascuno, giovani e meno giovani. Vedete, potrei non finir mai di parlare di Paola, tanto mi è famigliare dialogare con lei."

Sr. Isoleta do Nascimento. Luanda-Angola 

33) "Oggi, Dio amato, ho incontrato persone che hanno conosciuto una Santa: Paola
Che bellezza! Il loro incontro mi ha riempito di tanta gioia, tanta.., tanta gioia. Paola è un angelo del Cielo, del Tuo cielo. Non potrò mai ringraziare tanto chi mi ha fatto conoscere Paola; più di tutto, però, non saprei ringraziare Te, dell'ennesimo tuo dono: PAOLA! Paola Adamo: Musa ispiratrice di santità"

G. U. Taranto  

34) "Paola è stata per me la prova che i santi non sono solo quelli elevati sugli altari, ma sono soprattutto quelli che, nella semplicità e nell'umiltà, agiscono per ricreare nell'animo dell'uomo quei sentimenti peculiari della carità cristiana. In un periodo in cui il senso dello smarrimento si è fatto più fitto, la strada da percorrere buia, e mentre la mia mente era ofihiscata da una nebbia così intensa da non lasciar trasparire neppure i sentimenti suscitati dal cuore, PAOLA si è presentata come colei che rischiara le tenebre, come una stella che, attingendo la luce direttamente dal Signore alimenta gli animi di quelli che la scoprono, come uno speciale dono di Dio. Resa forte dalle radici piantate saldamente nel dialogo con i suoi genitori e dalla fermezza della fede in Cristo, suo supremo modello, PAOLA trasmette entusiasmo, gioia, amore per la vita. PAOLA, bagliore della santità divina, immagine della freschezza e della dolcezza, espressione di un animo profondo e puro, tenendomi silenziosamente per mano, mi aiuta a camminare per una via di cui lei conosce le tappe. Il Vangelo di Dio lo ha rivelato ai piccoli, ai puri di cuore, ai semplici, proprio come PAOLA che ora dal cielo, ricolma della grazia dell'Altissimo, offre a me e ai tanti altri giovani e adulti, il suo straordinario esempio di vita. Io le voglio bene, e chi, a conoscerla, non gliene vorrebbe? PAOLA per me è più che un'amica, non una persona qualunque, ma una santa del Paradiso".

G.U. Roccaforzata (TA)

35) "E' da tempo che tu, Paola, prendi i miei momenti di riflessione e, quando durante il giorno ho la possibilità di estraniarmi dalla realtà, mi rifugio nelle forza del tuo volto e, con tutta sincerità, più passa il tempo più diventi il mio punto di riferimento capace di trasmettere coraggio e sicurezza. La tua saggezza, per chi ti ha conosciuta e chi avrà il dono di conoscerti, offrirà la possibilità di rigenerare i nostri animi delusi e darà un senso alla vita già ricca di affanni e delusioni. I giovani avranno tutto da imparare da te, sarai il loro modello da imitare e da seguire in tutte le loro manifestazioni per le espressioni di sincerità, di serietà che li contraddistinguono".

E.D.M. Grottaglie (TA) 

36) "Lo Spirito Santo ha fatto rientrare nella mia famiglia Paola in un momento di grande angoscia per tutti noi. Quella bambina che all'età di nove anni con senso di responsabilità fu autrice di un gesto particolare prendendo con le sue mani le manine dei miei figli, per insegnare loro a non farsi male durante la giornata trascorsa nel parco dei divertimenti di Napoli.
Questo episodio l'ho ricordato al mio secondogenito di 22 anni che attualmente sta vivendo un periodo di forte depressione. Lo sto pregando di pensare a quel filing che si era creato con questa meravigliosa bambina tantissimi anni fa. Vi dico questo perché sono convinta che non a caso Paola si è riaffacciata nella vita dei miei figli. Paola ha capito durante la sua breve vita terrena, che la serenità, la pace, la voglia di vivere, si conquista amando Dio, che lei definiva "l'unico mio bene". Il compagno costante, oltre ai suoi genitori, è stato "Gesù" sulla terra, e ora che ha raggiunto la pienezza della luce di Dio ci trasmette solo amore, che è sorgente di vita e di salvezza".

S. P. Napoli 

37) "Ho anni 68, sono sofferente di più malanni che non è il caso di elencare e vi scrivo per farvi sapere che nel mio studio, dove dipingo, ho esposto la pagellina di Paola, a cui sono molto devoto e che sono spesso in continuo colloquio con lei. Ciò che mi colpì la prima volta che vidi la sua immagine fu il suo sguardo con quegli occhi bellissimi, penetranti di luce divina. Io dipingo di notte, lontano dai frastuoni, schiamazzi e rumori vari. Nella quiete della notte mi sento più concentrato per il mio dipingere e trovo sempre il tempo, tra una pausa e l'altra di lavoro per parlare con la dolcissima Paola, che è diventata il mio angelo custode. Nella preghiera trovo la forza per reagire ai miei affanni, ed è lei che nei momenti difficili mi aiuta a superare gli ostacoli ed a farmi sentire meglio in salute".

L.C. Scafati (SA) 

38) "Se io nelle mie preghiere ricordo Paola e prego per Paola stessa, lo faccio perché è il mio cuore che lo desidera; è come se mi dicesse di farlo. A volte guardando la foto e vedendo questa bella ragazza con la faccia pulita e gli occhi grandi, resto preso dalla sua espressione che emana energia positiva.
Adesso le dico una cosa che non volevo scrivere, lei non mi crederà, ma quando mi capita di guardare Paola in foto a volte mi sembra che lei mi sorrida; sarà un'illusione ottica , ma mi succede davvero. Io non so nulla di Paola; di lei mi ha parlato Sr R. di Rimini, ma io sono solo sicuro che lei mi manda energia vitale e, mi deve credere, è vero quello che dico, non sono un ciarlatano."

G.F. Palermo 

39) "Paola ha conquistato il mio cuore, dal primo giorno che ho ricevuto la pagellina. Io la prego sempre e la porto nel mio cuore, ovunque io vada... Io per la santità di Paola pregherò sino all'ultimo giorno della mia vita. Sono rinato, non sono più quello di prima, ora la mia vita è diversa.
Amo di più specialmente i poveri, amo quei bambini che, vedendoli in televisione, muoiono di fame ed io non posso fare niente per loro. Soffro infinitamente. Spero che la Vergine Santissima mi aiuti a guarirmi insieme a tanta povera gente che soffre come me. Intanto i miei giorni trascorrono sempre con le preghiere fra le mie labbra, nel parlare con Paola; le dico sempre: Paola ti voglio tanto bene, aiutami.

L. C. Scafati (SA) 

40) "Ho letto subito e d'un fiato "Paola Adamo qui e al di là del sole" e mentre leggevo mi venivano in mente le parole profetiche di Pio Decimo: "Avremo santi fra i bambini" . Ho passato gli opuscoli in inglese alle suore; esse tengono scuole per grandi e per piccoli e la vita di Paola non mancherà d'essere presentata alle ragazze e ai ragazzi di qui. Tempo fa ho letto la vita di Laura Vicuna del Cile - Argentina. Giorni fa il Papa ha beatificato Francesco e Giacinta di Fatima. Questi esempi di giovanissima santità sono altrettanti sorrisi del Buon Dio all'umanità debole e peccatrice. Vedo che la nostra Paola continua a darvi da fare; è la maniera più efficace di farvi trovare risposte utili allo spirito per piccoli e per grandi."

Padre L.P. Rajshahi - Bangladesh 

41) "Quando ho conosciuto Paola stavo affrontando uno dei tanti ostacoli che si incontrano nella vita. Ricordo che in tanto buio vidi una luce, una speranza; era lei che veniva verso di me e che mi incoraggiava dicendomi: "Se credi in Dio hai il mondo in pugno". Conoscere la sua vita mi ha ridato la gioia di vivere, di donare e soprattutto la forza di resistere nelle avversità."

S. D. P. Grottaglie (TA) 

42) "Sono un sacerdote salesiano, anziano (1920)... voglio esprimere la mia gioia per una giovane così affascinante, cosi "innamorata" di Dio; vi basti sapere che "ogni giorno" presento nella preghiera al Signore la domanda per la "Beatificazione" della simpaticissima Paola; sono certo che sarò esaudito."

B. P. Arese (MI) 

43) "Più ancora che un modello... Paola è un'icona, una luminosa icona della giovinezza... Questa la risposta concreta ed efficace che i giovani attendono e accettano per ridare alla loro vita il giusto senso di un grande dono e ritrovare quei valori che la rendono tale. Anche in me s'è fatto strada la possibilità di una introduzione di Causa di Beatificazione. Sarà così confermata "icona perfetta dei giovani". Io prego e la invoco anche perché mi aiuti."

Sr. L.D. Nizza Monferrato (AT) 

44) "Io sento Paola molto vicino a me: le parlo, la prego, le chiedo aiuto... Sono sicura che è fra i "veri amici" di Dio, cioè i Santi!"

Sr. R.D   Rimini  

45) "La lettura del libro "Ciao gente... sono Paola" mi ha affascinato e la figura di Paola che impersona la parte migliore della nostra gioventù, accende una fiaccola di speranza per una famiglia e un mondo migliore."

L. G. Orta S. Giulio (NO) 

46) "Nella casa vicino alla mia vi abita una giovane studentessa diciottenne; le ho mostrato il libro chiedendole se era disposta nel suo tempo libero di venire a casa mia, di sera, per leggere un capitolo ogni volta. Così è stato fatto... Concetta, così si chiama la lettrice è entusiasta della protagonista del libro. Fino a questo punto della lettura posso dire che Paola è un Angelo, un vero Angelo, la dolce e bella sorellina di San Domenico Savio e che dal giorno del suo battesimo lo Spirito Santo ha preso possesso di lei anima e corpo.”

R.G. e A.  Mandicino (CS) 

47) "A te, Paola, dico grazie, grazie, grazie, per aver saputo accogliere e fruttificare al massimo il seme della Parola di Dio e ti supplico di invocare dal Signore, a favore dei giovani e delle loro famiglie, un totale cambiamento di rotta verso la conquista sicura di valori umani e cristiani nell'esistenza terrena".

F. N. Venosa (PZ) 

48) "Già due volte ho letto "Paola" attraverso quelle pagine, ed ogni volta mi nasce dentro il desiderio di conoscerla più a fondo per potermi plasmare e colmare al massimo come lei".

Sig.ra I. Genova  

49) "Mi dispiace di non aver conosciuto prima la bellissima testimonianza di Paola, stupendo esempio di come, anche nel mondo di oggi, si possa vivere pienamente la vita a 15 anni, in modo autentico e profondamente cristiano, senza “bigottismi” ma pagando di persona e dando una splendida testimonianza di purezza."

Sr R.  Rimini 

50) "Sto leggendo il bellissimo libro di Paola...  Insieme a voi voglio pregare per i miei nipoti e per tutti i giovani perché Paola li guidi nella purezza."

E.F.  Piacenza 

51) "Effettivamente Paola era un tesoro troppo prezioso e singolare per continuare a vivere su questa terra ed ha raggiunto presto la dimora eterna. Dal cielo continua a sostenerci e incoraggiarci a vivere la novità di vita evangelica! Unica ed esclusiva realtà capace di dare un volto nuovo a questa nostra società inceppata in miriadi di meandri che ritardano il cammino di maturità e libertà dei giovani di oggi. Farò conoscere Paola alle ragazze perché possano scoprire e valutare i valori da lei vissuti."

Sr. L. R.  Acireale   

52) "Leggendo/meditando il libro "CIAO GENTE... SONO PAOLA" ho scoperto un'anima bella e fragrante che mi ha conquistato... Dio ha operato in lei grandi cose. La sua ascesa vertiginosa verso l'AMORE è stato uno stupendo connubio fra la grazia e la sua forte volontà... Paola è una rosa stupenda che il Signore ha posto nel giardino di Taranto perché tante anime, attraverso il suo profumo, siano inebriate dal suo AMORE. Grazie Signore! Cara Paola non lasciarci soli. Sii tu forza prorompente che ammalia tanti giovani."

P. A. R.  Taranto  

53) "Paola può essere un modello per la gioventù di oggi?"
"La soluzione non ha bisogno di supposizioni, né di ricerche psicologiche, ma di uno sguardo attento, oggettivo, sincero a Paola stessa. E' lei la risposta chiara, sicura, documentata perché ne è lei stessa la personificazione. Paola è la giovane di cui la gioventù odierna ha bisogno per trovare il "modello" cui guardare, che le discopra il valore della vita e risponda agli interrogativi, alle angosce, ai disorientamenti che l'assillano. Il problema dei giovani oggi, è un grave problema. Giornali, riviste, televisione, convegni parlano in continuità del disorientamento giovanile davvero sconcertante, ma non danno direttive concrete per una soluzione efficace: sono discorsi che i giovani non accettano perché non toccano la loro sofferta realtà e non aprono vie d'uscita. Quale allora può essere un efficace intervento? Offrire loro "modelli" affascinanti di giovinezze che hanno saputo affrontare e superare con una sana visione umana e di fede i problemi dell'età e dell'ambiente; scoprire i veri valori della vita e impegnarsi a realizzarli.
Paola è questo "modello" che incarna in sé la giovinezza come va vissuta."ù

Sr. L. D. Nizza Monferrato  

54)"Vi ringraziamo tanto del libro e preziosi scritti di Paola. Quali bei ricordi! Che tanti giovani possano edificarsi e seguire le sue orme che sono le orme di Gesù, il Divin Maestro e Signore. Il mondo ha bisogno di giovani innamorati di Gesù come lo era Paola; allora sicuramente cambierebbe, diventerebbe più bello, più pulito, più affascinante, perché ci regna Gesù."

Sr. M. P.  Torino  

55) "Anche qui si lavora molto, pur tra preoccupazioni, tensioni e gioie, per l'oggi e per il domani. Io mi affido anche a Paola; metto nel suo cuore, già nell'eternità, le mie preoccupazioni, le ansie per il futuro, le gioie e i dolori, inevitabili finché siamo su questa terra d'esilio. Le affido ogni giorno i nostri giovani: il poster di Paola posto nell'aula più grande, dove spesso preghiamo insieme, sembra proteggerci e parlare al nostro cuore... di un altro mondo, quello eterno, dove non ci saranno più dolori e sofferenze e la gioia regnerà senza fine. Come sarà bello allora! Si, Paola è con noi, è vicina a noi, ci aiuta e ci segue. Io la "sento" operare: come quando era viva, fra voi, lei anche oggi, di lassù, è instancabile; non "sta a vedere", non "sta con le mani in mano", ma costruisce secondo i disegni dell'Architetto Divino, costruisce l'Amore nei cuori, si fa aiuto e sostegno di chi ha bisogno e le si rivolge; toglie, con l'aiuto del suo e nostro Dio, le paure specie nel cuore degli adolescenti e ridona serenità. Facciamola conoscere! Il mondo dei giovani è stupendo, ma è anche segnato dalla fragilità, dal dubbio, spesso dall'indifferenza, dalle paure e dalla angoscia. Ci sono giovani eccezionali, ma ci sono pure giovani problematici, senza o con pochi punti di riferimento, spesso brancolanti nel buio.  Allora, figure come quella di Paola, sono luci, punti-forza e guide per il cammino. Una giovinezza realizzata è eloquente, non ha bisogno di commenti..."

Sr R. D.  Rimini 

 

56) "C'è chi mette in dubbio che si possa essere santi a questa età, noi invece crediamo che le grandi scelte inizino precisamente in questa stagione della vita: il tempo dei boccioli. Lo pensava anche Don Bosco; è precisamente questa la preventività. Quanti l'hanno conosciuta sono rimasti conquistati dalla sua spontaneità, dal suo amore alla vita e alle cose belle.  Una ragazza straordinariamente normale,  con le sue gioie e le sue croci, con i suoi sogni e le sue delusioni. Paola è un modello affascinante per la santità vissuta nel quotidiano: a casa, in chiesa, a scuola, con gli amici Gli ambienti dove trascorreva la sua giornata sono stati illuminati dalla sua presenza e sono diventati luoghi di crescita umana e spirituale dove si è sentita amata ed ha imparato ad amare, dove ha fatto scelte coraggiose, mettendo Gesù al centro, dove ha capito che la vita è grazia e va vissuta come grazia.
Sprizzava tenerezza per i genitori ed era felice di suonare la chitarra e cantare per loro, di voler bene alle sue compagne, anche a quelle che mostravano un po’ di malevolenza verso di lei.
Diceva: "Se Dio è la sorgente di tutte le cose,  solo Lui ci potrà fare realmente felici!".
Morì a 15 anni, il 28 giugno del 1978, stroncata da un'epatite virale. Poco tempo le bastò per capire quello che canta il salmista: "Insegnaci a contare i nostri giorni e giungeremo alla sapienza del cuore
Nella sua cameretta c'era una biografia di Don Bosco: ne leggeva qualche pagina la sera.
Chi è, dunque Paola? Una ragazza di oggi, con la santità di oggi, fatta di doveri verso Dio e gli altri, di donazione serena ma cosciente, di amore per i genitori. Non ha fatto miracoli né atti eroici, ma ha compiuto fino in fondo il suo dovere,  per amore e con amore".
     Don Pascual Chàvez, Rettor Maggiore dei Salesiani - BS Gennaio 2004
 
57) “....ma io, oso ancora affermare che questa ragazza è già una piccola e grande santa....Ho la certezza che un giorno non lontano....si riconoscerà in lei la caratteristica della giovane di nazareth: Maria.... la donna che intercedeva e che intercede presso Gesù, soprattutto per la VITA SPIRITUALE, LA VITA INTERIORE … di ogni persona... Ecco... così sento Paola....”
Sr. P. Di F. Roma 01.09.1998
 
58) “Fu proprio in quel periodo che ho incontrato te (ho forse sarebbe meglio dire che tu hai incontrato me): mi sono affidata a te.
Oggi, che sono uscita da quell’oscuro tunnel ti ringrazio perché sei venuta da me con < amica mia >, da me che dall’amicizia ero rimasta ferita.  Sei venuta a me con  quella  fotografia  dove mi  ricordavi che: < Se credi in Dio hai il mondo in pugno >.
Grazie Paola, avevi ragione, Dio ha vinto la mia debolezza, la depressione e ha fatto sì che portassi a termine l’università laureandomi. Non lo credevo possibile ed invece Lui ha voluto che accadesse mantenendo la Sua Parola, Parola di un Re Fedele.”
Grazie Paola!     Una tua amica Bari, 05.05.2004
 
59) “ Noi non ci stupiamo più perché Paola è amica dei giovani e delle famiglie ed io ho prove che molti tramite lei, hanno ripreso la via Maestra, la Sua Via, e molte famiglie si sono salvate dallo sfascio, oggi così frequente.  Se vi appaio “innamorato di Paola”, adolescente a me carissima, ne sono contento perché sono innamorato del Signore, ed il fatto che Egli si sia voluto compiacere in questa creatura così vera, stupefacente nella sua normalità, mi riempie di gioia.
Noi salesiani “…non abbiamo altro scopo, nessun’altra istanza se non  -come diceva Don Bosco-  che << a gloria di Dio e la salvezza delle anime >> e siamo in molti ad aver capito che in Paola abbiamo uno specchio terso in cui specchiarci e confrontarci, sempre e specialmente rivolgendoci ai giovani, per i quali intendiamo aggiungere a Domenico Savio e a Laura Vicuña, PAOLA.  
Paola è di oggi, non dell’ottocento!  Molte ragazze e ragazzi l’hanno scelta quale “amica del cuore” e vorremmo “regalarla” ai giovani, molti dei quali sono sbandati: non sanno perché vivere, per cosa vivere!  Della vita conoscono solo il guasto!  Noi ne piangiamo.”
                              Don Osvaldo Traversa sdb Taranto
 
60) “La storia di Paola è straordinaria in questo senso: fornisce un esempio di santità inserito però in una linea che non si distacca dal mondo in cui viviamo. Non ostante i suoi gesti brillino di santità, ella li compie a scuola, in famiglia, tra gli amici, aspetti che fanno parte delle vite di tutti.
Storie come quella di Paola colpiscono dritto al cuore, specialmente in un momento in cui si sono persi di vista veri valori e ognuno è impegnato a soddisfare i propri interessi.” 
Prof. S. G. Torino
 
61) “Ho appena visto sul sito Web l'ultimo ritrovamento di Paola a Castellaneta, mi sono emozionato tanto a leggerlo.
Ho Paola nella mia anima e la penso sempre. Quella fotografia che la ritrae sulla scala a chiocciola di casa, dove io sono salito, mi fa sentire un privilegiato. Paola ci ha giocato tante volte lì, e io mi sento accanto a lei.  Grazie.”  
            A. C.  Taranto 21.02.2013
 
62) "Io ho conosciuto la splendida adolescente di cui in tanti si sono occupati e continuano ad interessarsi, attratti soprattutto dalla sua spiritualità.
Quotidiani, riviste, biografi, mezzi di comunicazione sociale hanno parlato ampiamente di lei, della sua vita, dei suoi sentimenti, degli ideali e perfino della sua saggezza.
Sono stati pubblicati bellissimi libri che tracciano, in modo essenziale e accattivante il profilo umano e spirituale di una fanciulla come tante, ma con una vocazione straordinaria: l'amore per la vita, una vita che non ci appartiene perché è di Dio.  Sto leggendo più che con curiosità, con passione ed edificazione spirituale quello che è stato scritto sul conto di Paola: la biografia, le testimonianze dei genitori, degli insegnanti, degli amici, dei compagni di classe. Quello che, però, merita una particolare attenzione è il suo pensiero, i frammenti, le poesie da cui traspare un animo nobile, profondità e ricchezza spirituale sorprendenti.  E tale tesoro, purtroppo, rimane ancora nascosto!
Sembra incredibile che una adolescente di 15 anni sia stata capace di scrivere con la sua vita una bellissima pagina di storia, consegnata a questa comunità con generosità e passione. E la lettura di questa pagina scritta con i caratteri della sofferenza e della morte, ha commosso anche Giovanni Paolo II...
Ho letto tutto quello che ho avuto tra le mani, con trasporto, cogliendo di Paola l'amore per la vita, vissuta con realtà, gioia vera e un po' di poesia che rivela sensibilità e delicatezza d'animo. Ho colto l'alto valore dell'amicizia, il meraviglioso rapporto con i genitori, la generosità, l'impegno giorno per giorno ad "abitare negli altri".
Con discrezione e in silenzio, Paola, a 15 anni, aveva ben compreso che la vita è meravigliosa perché dono di Dio e nello stesso tempo dono per gli altri.
Ricordarla, oggi, vuol dire indicare ai giovani e agli adolescenti del nostro tempo, spesso scontenti e vuoti, un modello di virtù autentica, vissuta in pienezza.
Anche una adolescente può essere afferrata da Cristo e realizzare pienamente la sua missione, anche con il sacrificio della vita.  I giovani spesso sono disorientati, smarriti e, se si propongono loro itinerari di fede, pensano che li si voglia strappare alla libertà o che li si voglia condurre fuori del mondo.
Paola insegna che essere santi vuol dire essere cristiani veri, vivendo bene la propria vita quotidiana, con fedeltà a Dio, alla vita, alla famiglia, al mondo, agli amici.
Leggendo i cenni biografici di Paola è evidente la sua versatilità per il gioco, la musica, lo sport, l'amicizia, le letture: tutto vissuto con lo stesso cuore di Dio.
Il ricordo della sua morte può trasformarsi in inno alla vita, con la speranza che i nostri giovani di Taranto, come è accaduto per tanti giovani di tutta Italia che scrivono ai genitori di Paola, riscoprano il gusto per la vita, l'amore per Dio e per tutto ciò che la diletta figlia di questa comunità ha insegnato nel breve, ma intenso tratto della sua vita, così come lo sta insegnando a me. Anch'io incomincio a sentire l'eco del suo saluto: "Ciao, gente... sono Paola."  
     A. G.  Taranto 18.06.1998
 
63) "Quanto hai corso Paoletta! Nella brevissima stagione della tua primavera hai coperto la distanza che ci separa dal Cielo scegliendo il sentiero più diretto, senza "deviazioni", senza "giri" per evitare le salite...
Con il Pane della Parola e la borraccia della fede nello zaino, con lo stupore che dà valore ad ogni incontro e ad ogni cosa, con l'allegria che fa vedere il sole anche dietro le nuvole. Hai fissato lo sguardo alla meta... e ti si sono aperti orizzonti inimmaginabili e... ci hai lasciato indietro!
Sorridi! So cosa vuoi dire: non ci hai lasciati indietro ma hai aperto una strada e ci hai dimostrato che è possibile percorrerla e arrivare in cima. Ti chiamavamo “Polly”, ricordi?  Ma oggi, più che il diminutivo, un po’ azzardato, di Paola, mi sembra quello (più... "azzeccato") di Pollicino, si, proprio quello della favola di quando eravamo bambine! Con una differenza però: Pollicino lasciava sassolini dietro di sé per ritrovare la strada di casa, tu hai lasciato perle di saggezza perché noi trovassimo la Via.  
"Chi crede in Dio ha il mondo in pugno."
"Per vivere in eterno bisogna avere la parte più importante libera dai peccati e dalle colpe, questa parte è l'Anima. Ecco la chiave della vera vita."
Quella chiave ti ha spalancato il Paradiso... e ora, in una logica che supera e stravolge quella umana, sei diventata tu, appena adolescente, il "gigante" che ci tira par la mano, che ci alza su, che ci indica la via, che ci rassicura... (...) Continua ad indicarci la via, Paoletta, ad illuminare le nostre esistenze con l'entusiasmo e la semplicità dei tuoi 15 anni mai compiuti. Continua a ripeterci quelle parole preziose che ci ridanno speranza..."
T. M.  Taranto,  25.06.2003
 
64) "Mi chiamo Paolo. Sono un trentenne alla ricerca di Dio, in tutte le maniere; ma quella che prediligo perché mi incoraggia è quella di andare alla ricerca delle esperienze fatte da altri ragazzi che ce l'hanno fatta. Penso che Paola ce l'abbia fatta, che ci abbia lasciato un grande messaggio nella normalità del quotidiano, che, se vissuto in pienezza di Dio, può santificare. Grazie a Paola e a chi diffonde questa grande ricchezza che ci ha lasciato in eredità".  
Paolo e Annamaria Roma  12.07.2002
 
65) "Nelle brevi pause d'ufficio mi piace moltissimo passare un po’ di tempo a leggere qualcosa sulla vita di qualche santo o beato. Oggi casualmente sono entrato in questo sito. Ho letto con grande gusto i pochi cenni biografici di Paola Adamo. Mi hanno molto meravigliato e stupito le eroicità e le virtù di questa giovane verso il Signore. La sua testimonianza è stata veramente un segno tangibile.”
L. B. Tricase (LE) 18.12.2001
 
66) "Oggi, Dio amato, ho incontrato persone che hanno conosciuto una santa: "Paola". Che bellezza! Il loro incontro mi ha riempito di tanta gioia... tanta gioia. Paola è un angelo del Cielo, del tuo Cielo. 
Non saprò mai ringraziare tanto chi mi ha fatto conoscere Paola; più di tutto, però, non saprei ringraziare Te, dell'ennesimo tuo dono: PAOLA!"                          G.  U. – Taranto 
 
67) "Sono una non vedente affascinata dal buon esempio della diletta Paola, di cui a Dio piacendo, è auspicabile l'elevazione agli onori degli altari".
E. C. – Modena,  29.03.2001
 
68) Io personalmente, ho incontrato e continuo a incontrare tanti giovani a vario titolo come Salesiano, riscontrando una varietà di doni che la grazia dello Spirito Santo elargisce abbondantemente, ma la vita di Paola Adamo mi fa cogliere in pienezza il "sogno di Don Bosco" che sosteneva possibile il cammino di santità, trasformando la vita ordinaria in straordinaria e facendo gustare la vita nella gioia e come dono stupendo del Dio Amore. Queste poche righe di testimonianza scaturite dalla lettura della vita di Paola Adamo per rilanciare ai giovani e agli Educatori il cammino di Santità come possibile, ma anche per chiedere a Paola di intercedere presso il Signore, la Vergine Santa, Don Bosco, Domenico Savio affinché tanti altri giovani possano sentire la passione di vivere nella pienezza dell'Amore di Dio come ha vissuto lei.  Paola, continua ad entrare nelle case e nei cuori dei nostri giovani facendo sentire la tua voce dolce e persuasiva: "Ciao gente... sono Paola".
Sac. Pasquale Cristiani  Napoli 28.01.2003
 
69) “Faccio voti che presto la piccola Paola possa essere riconosciuta ufficialmente dalla voce della Chiesa per essere proposta con più forza a quanti, anche inconsciamente, attendono un modello di autenticità e di bellezza morale.”
La Superiora Generale F.M.A. Sr. Antonia Colombo  Roma 
 
70) "Ho letto con interesse, direi avidamente, quanto M. D. Grassiano ha scritto di Paola, lasciandomi afferrare e avvincere da quel filo d'oro, dalla trama umano-divina, che sottende la breve esistenza di questa ragazza eccezionale nella sua normalità.
Paola mi è apparsa come una Memoria abitata da una Presenza, dove lo ieri e l'oggi si intrecciano mirabilmente e gioiosamente, in cui passato e presente, sogno e realtà, impegno e libertà convivono in lei, mentre vengono assunti e vissuti con tanta creatività.
Non plagiata ma plasmata, Paola è un essere per, un essere con.
Sì, essere con è Paola, perché la sua esistenza, totalmente finalizzata alla acquisizione e interiorizzazione dei grandi valori umani e cristiani, è vissuta nella totale dedizione agli altri, naturalmente, senza ostentata esibizione.
Paola è un essere con, perché tutta la sua vicenda terrena mi appare come corolla al sole, dolcemente sospinta dal vento primaverile e dispiegantesi negli spazi vitali del cielo e della terra, di Dio e degli uomini, della Chiesa e della casa, della scuola e della strada, della poesia e dell'arte, delle lacrime e della gioia.
Con l'Altro e con gli altri è Paola. Per gli altri e non per sé.
E' l'insieme di queste realtà armonicamente congiunte e attestate nei diversi ambiti, che costituisce il fine ultimo della breve vita di Paola. Ragazza dal cuore grande e sensibile, si è fatta all'interno di una feconda esperienza familiare ed ecclesiale, comunitaria e personale, diventando segno pro-vocatorio per tutti.
Paola è infatti colei che ha saputo mantenere il cuore al centro della sua vita. Un cuore abitato dalla fede e aperto alla solidarietà. E perciò, vicina e lontana, amata e avversata dai suoi coetanei.
Lo stile della sua vita infine è gioiosamente libero, perciò ispirato alla scoperta delle realtà che la circondano, si da condurla alla contemplazione degli eventi, nella capacità di giudizio e di sguardo critico sulla storia.
           Evviva Paola, fiore fragrante della primavera pasquale!
           Evviva Paola, impasto di terra e di cielo, luminoso esempio di vita vissuta nella trasparenza del cuore. 
           Evviva Paola, impetuoso gorgogliare di limpide acque e fulgida gemma del mondo-giovani!
Paola, amata da Dio, continua a sorriderci e farci sentire il tuo "ciao, gente" perché ne abbiamo bisogno.
E tu ci sei necessaria".
Mons. Felice di Molfetta, Vescovo -  Cerignola (FG), 08.04. 2002
 
71) "I grandi santi sono la punta dell'iceberg visibile, ma c'è una grande santità anonima, nascosta per lo più...
Su questo sfondo di una fede autentica, basata sulla Chiesa missionaria e martire.., noi ricordiamo PAOLA, una manifestazione incipiente dal punto di vista nostro ma già con i segni di una santità ordinaria, di una vita cristiana tipica della sua età.., ma già molto seria e molto autentica. Io credo che lei è uno dei tanti esempi di persone della ordinarietà della vita, fuori di ogni eccezionalità; hanno vissuto seriamente e la vita umana e la vita di fede e lei ha contribuito a generare nell'intero corpo della chiesa una santità che poi rifluisce e va avanti e passa ad altri..."
Mons. Franco Castellana – Taranto,  29.06.2003
 
72) “Paola sta molto presente nella nostra vita, nella vita dei suoi amici, nella vita di coloro che hanno potuto conoscerla personalmente, oppure attraverso gli scritti e i libri sulla sua vita. Ne sono sicuro che Dio ha scelto Paola.
E lei, coraggiosa e umile ha dato il suo sì generoso. E' un esempio di vita per noi. Ogni volta che prego Paola e mi ricordo della sua storia mi sento rinvigorito. E' come se Paola intercedesse a Dio per me, che misericordiosamente ascolta la sua preghiera e mi concede la forza necessaria per continuare in questa camminata.    Grazie, Dio! Grazie, Paola!"
 Don Adeilson Pereira Tomé - Campo Grande – Brasile.
 
73) "E' stata una meraviglia vedere i nostri giovani parlare di Paola... Paola non ha bisogno di fare nessun miracolo, perché il grande miracolo che lei sta facendo è toccare così profondamente il cuore di questi adolescenti tanto miscredenti della vita. Paola ha svegliato nei nostri adolescenti un grande amore per la vita.
Dite al vostro Vescovo che non abbia paura di approvare la causa di Paola, perché veramente lei è una vera santa, una santa! Una santa diversa dagli altri, perché lei è una giovane di questo secolo XX. Una dei tempi moderni, veramente una santa diversa...  questa è una grande ricchezza per la nostra Chiesa Cattolica, Apostolica e Romana". 
Sr. Maria Biason - Alto Araguaia – Brasile,  04,11. 1999
 
74) "Noi educatrici salesiane, sentiamo quanto bene ha fatto ai preadolescenti e adolescenti la lettura attenta e il lavoro di riflessione sul libro: "Paula Adamo aqui e para là do sol"
I suoi messaggi non conoscono frontiere e arrivano al cuore del Brasile, come un inno di ringraziamento a Dio per la sue meraviglie. Lo Spirito Santo cammina nella pratica della vita e il contatto con Paola ha portato gli adolescenti a confrontarsi e autoanalizzarsi con una giovinetta di soltanto 14 anni, che è riuscita a tanto in così poco tempo.
Cari genitori di Paola, continuate seminando i fiori della purezza perché il mondo ne ha tanto bisogno". 
Sr. M.A. P. -Alto Araguaia ‑ Mato Grosso – Brasile,    Ottobre 1999
 
75) "Carissimi ...  voi siete i genitori più felici del mondo, non ostante che avete sofferto molto con la perdita di Paola, però fisicamente sì, ma è stato anche un guadagno molto grande avere lasciato partire Paola presso il Signore.
Se Paola fosse rimasta con voi in questo mondo, forse non avrebbe fatto tanto bene ai giovani, adolescenti, agli adulti e famiglie, penso io, del mondo intero, come sta succedendo con la lettura del libro "Ciao gente... sono Paola" e 'Paola Adamo, qui e al di là del sole".
I giovani e le adolescenti dell'Istituto Maria Ausiliatrice di Alto Araguaia, dove abito io e lavoro nell'amministrazione, sono incantati e quasi attratti per la lettura del libro e si organizzano in gruppi per lavorare con le altre giovani meno dotate. lo vedo in questo una grazia di Paola, perché tanti altri libri sono stati letti e formati tanti gruppi, però non si è vista tanta risonanza come questo di Paola...
E' la grande conquista di Paola; essa sta entrando nei cuori delle giovani e adolescenti del nostro immenso Brasile... Paola sarà conosciuta da molte persone.  Paola è la luce e il sole in mezzo al mondo giovanile.”
Sr. Maria Biason - Cuiabà‑Brasile,  01.05.01999
 
76) “Ancora oggi Tu mi hai parlato, 
quando ho aperto quell’agenda che non prendevo da tempo è spuntata la Tua foto, ho letto il retro non lo leggevo da tempo c’è scritto: “Il difficile non esiste, l’impossibile richiede solo un po’ di tempo “poi la tua immagine con il tuo sorriso di brava fanciulla che non sa di terreno ma di infinito di celeste, e sai perché... perché infonde serenità, pace, tranquillità, freschezza... coraggio di vivere. 
Cara Paola, anche questa mia lettera andrà ad aggiungersi alle tante che ricevi, ma ti prego, intercedi per le mie bambine e mia moglie Lucia presso nostro Signore Gesù Cristo, illumina la mia vita con il tuo breve ma eroico esempio, aiutami infine Paola a ritrovarmi... è questo quello che io ti chiedo avendo avuto la fortuna di conoscerti con le tue parole ed i tuoi segni che mi arrivano dal Paradiso presso il quale Tu intercedi per me presso nostro Signore.”
A.S. Taranto 25.06.2007
 
77) "Paola è un dono di Dio per la nostra Arcidiocesi e la sua vita, breve ma intensa, di fede matura e provata in una fedeltà radicale, pur nella sua giovane età, testimonia a tutti che i santi non sono diversi da noi.
I santi sono stati uomini e donne come noi. Paola dice ai giovani che lei è stata una ragazza comune come loro, che ha lottato come loro, che é stata tentata come loro, ma ha vinto...
Per i giovani è un modello da "guardare per risvegliare in loro il desiderio di vivere vicino a Dio". (Benedetto XVI) "Chi crede in Dio ha il mondo in pugno" è il motto di Paola, e questo è il suo segreto. Per questo esorta i giovani: coraggio, per essere santi non occorre compiere azioni e opere straordinarie, né possedere carismi eccezionali. 
E' necessario solo ascoltare Gesù e poi seguirlo senza perdersi d'animo di fronte alle difficoltà.
Dai suoi scritti e dal ricordo di chi l'ha conosciuta emerge la sua umile e semplice esperienza di vita, cioè, che la santità esige uno sforzo costante, ma è possibile a tutti perché più che opera nostra è soprattutto dono di Dio.     Con Lui l'impossibile diventa possibile".
Sr. Giuseppina Presta, Abbadessa O.S.C. - Grottaglie (TA)  17.11.2007
 
78) "Molto mi ha colpito la sua viva fede in Dio, il suo ardente amore per Gesù, il suo attaccamento a Maria, la sua disponibilità gioiosa verso il prossimo, la compassione verso i poveri, la capacità di perdono nei contrasti con quelle compagne di scuola che la sbeffeggiavano, la isolavano perché cristiana senza remore, senza titubanze, fiera della sua fede...   Dalla lettura di tutto quanto, appare chiaro che era un giglio intatto e fragrante e, forse, appunto per quella sua limpidezza d'anima e di corpo, sprizzava gioia di vivere: una gioia comunicativa che sollevava gli animi, una fratellanza che si espandeva anche nei casuali incontri, avendo sempre, direi, davanti agli occhi quel "Mihi vivere Christus est" di S. Paolo di cui impressiona, alla sua età, la sua devozione e di cui aveva desiderato per regalo alla promozione in 3" Liceo, le sue Lettere!
Penso che una vita così, giovane e gioiosa e affascinante, "innamorata di Dio" giustamente definita "Gioiosa improvvisata di Dio", specie in questo tempo che la gioventù è disastrata, sia" una vita santa", per la quale ogni giorno presento nella preghiera al Signore la domanda per il riconoscimento delle sue virtù eroiche quale "Modello raggiungibile della nostra società".
Padre Marino Gemma - Wamba – Kenya, 13.08.1997
 
79) "Sono fermamente convinta che la testimonianza di Paola Adamo è una testimonianza di vita forte, autentica, viva, attuale, molto vicina ai giovani di oggi.  Ho letto a suo tempo il libro: "Ciao gente.. sono Paola" e sono rimasta fortemente attratta, colpita, stupita della SPIRITUALITA' PAOLINA di quella cara ragazza, che mi è apparsa subito un "gigante" nelle vie dell'Amore, della Semplicità, dell'Altruismo, della Generosità, della Preghiera; un'autentica cristiana "non bigotta", una vera AMICA di Gesù, senza paura di dimostrarlo nella sua vita quotidiana gioiosa, serena, aperta alla vita, al mondo, con mille progetti per il futuro!
Ciò mi ha convinta ancora di più della importanza di una EDUCAZIONE FAMILIARE integrale, completa, armoniosa, come quella che ha ricevuto Paola nella sua bella famiglia.
Colpita dalla statura morale e spirituale di Paola, ho voluto proporre ai miei alunni un lavoro di gruppo. I ragazzi hanno accolto con entusiasmo la proposta e si sono impegnati in una lettura seria, profonda, genuina e critica.
Dico sinceramente che mi hanno stupito e riempito di gioia le riflessioni che essi hanno dedotto e le lettere che hanno scritto ai genitori di Paola su Paola: i giovani la sentono vicina, la vedono come modello non lontano, ma a loro accessibile; la pregano, la considerano un punto di riferimento sicuro, una luce fra le tante tenebre di questo mondo...
Mi sono chiesto, allora, perché proprio lei e non altre; perché hanno colto subito, questi giovani, la sua spiritualità come, ad esempio, il suo rapporto con il Signore, con la famiglia, con gli amici...  Mi sono resa conto maggiormente ed ho toccato con mano che i giovani hanno bisogno di modelli autentici, semplici, che parlino al loro cuore, che siano imitabili...   Paola parla ai giovani di oggi; è viva e operante, accanto a loro e penso che bisogna cogliere l'occasione per mantenere vive queste fiamme d'Amore di Dio se vogliamo salvare i nostri cari giovani dall'edonismo, dal materialismo, dalla devianza e dalla trasgressione facile e sistematica, dai "falsi maestri che vendono fumo e li travolgono senza remissione!"
Offriamo ai nostri giovani dei MODELLI, delle speranze, delle certezze. PAOLA è questo: ne ho fatto e ne faccio l'esperienza - lo ripeto - in mezzo ai miei ragazzi. Ho visto, con discrezione, alcuni giovani "trasformarsi", essere più sereni, prendere decisioni serie e sane da quando si rivolgono a Paola come amica e sorella più grande, ma che ha vissuto gli stessi problemi, le stesse ansie, le stesse gioie..."
Sr. Rina Dellabartola    Rimini   28.04. 1997
 
80) "Con la presente sento il bisogno di ringraziare la santa Chiesa di Taranto dal cui seno è sbocciato e dalla cui  fede e amore per  Cristo è stato nutrito quel fiore delicato e fragrante che risponde al nome di  Paola Adamo.
Domenica scorsa nella chiesa di cui sono Rettore in una località di villeggiatura, un pubblico numeroso e partecipe, per oltre un'ora si è interessato alla vita semplice e ordinaria (ma proprio per questo straordinaria e bellissima) di questa adolescente cristiana dei nostri tempi, che affermava con convinzione: 
"Chi crede in Dio, ha il mondo in pugno".   
Posso affermare in coscienza di aver riscontrato frutti spirituali sia fra adulti che fra giovani. 
Quanto bisogno ha la nostra gioventù di modelli di tal fatta!
Un giorno la Chiesa la porrà sul candelabro per illuminare ancora più lontano?
Don Antonio De Stradis - Oria (BR),  25.07.2006
 
81) "Mi farebbe un grandissimo piacere poter leggere i libri della vita di Paola. Qui, nell'Isola Maurizio non se ne trovano. Relativamente alla fotografia di Paola, posso dire che lei ha un viso d'angelo con la santità che le brilla negli occhi: Non vi sono dubbi! E' morta in odore di santità : è per questo che si manifesta a molti col profumo (inspiegabile) a ondate.   Nella vostra lettera voi mi dite che da molti anni lavorate per la sua Causa di beatificazione. Per quanto si riferisce a Paola, vi dico che siete sulla buona strada. Aspettate con calma e avrete tutto ciò che desiderate... “
Col nome di Paola si può comporre un acrostico come preghiera..."
Riportiamo l'originale francese con una nostra traduzione:
Petite servante du Seigneur                                      Piccola serva del Signore 
Amie de tous les peuples                                          Amica di tutti i popoli
Obtiens nous de Dieu                                               Ottienici da Dio
Les graces que nous demandons                              Le grazie che domandiamo 
Ainsi nos prières seront exaucées. AMEN                 A Lui, fiduciosi di essere esauditi: AMEN 
Jean Lue Lagamelle - isole Maurice, 17.06.1999
 
82) “La vita meravigliosa di Paola mi fa pensare anche ad un albero che, nello stesso tempo, porta fiori e frutti: mentre spunta l'un l'altro matura.
Lei aveva la gioia spensierata della bambina che scopre le bellezze del creato nella luce dell'innocenza e sentiva ad un tempo il peso dei problemi che l'umanità avverte su scala planetaria. Nella stessa ora perciò poteva apparire bambina ignara e filosofessa angosciata. Le riusciva perciò difficile e doloroso tuffarsi nella corrente del conformismo. 
Gli scritti di questa adolescente spesso rivelano una compresenza che chiamerei di due anime: l'anima della bambina poetessa e l'anima del filosofo impegnato. Nelle preghiere di questa bambina si respira l'umanità intera, e lei, elevandosi, solleva tutto il pianeta verso Gesù.  Questa creatura meravigliosa possiede l'arte di esprimere la sapienza cristiana in un umorismo soavemente umano. Nel suo stile il lirismo e l'umorismo si fondono come due motivi in un sinfonia... "
Don Adolfo  L’Arco -  Giugno 1979

Blog webekm.com the ekm.

Download from BIGTheme.net free full premium templates